Convegni e Seminari

La Piazza e la Storia
Incontri nelle serate d’estate a San Lorenzo
20 | 24 luglio 2022 ore 21
Parco dei Caduti del 19 luglio 1943

La prima edizione di “La Piazza e la Storia” intende fare dialogare il presente e il passato attraverso temi e libri che riteniamo di rilievo per raccontare la storia degli ultimi decenni in Italia. Partiremo dalla musica popolare e dalla canzone italiana, ritenendola una chiave per leggere cosa siamo stati collettivamente e come siano cambiate tendenze, costumi e rappresentazioni degli italiani. Nella seconda giornata la rassegna proporrà un dibattito sul fascismo riflettendo sia sulla sua ascesa e la sua concreta costruzione istituzionale sia sul peso che il fascismo ha avuto nel discorso pubblico italiano anche dopo il 1945. Il tema della terza giornata sarà la crisi energetica e ambientale, un fenomeno che mette in discussione le fonti del nostro sviluppo e il rapporto tra gli esseri umani e la natura: argomenti dalla drammatica attualità ma le cui lunghe radici rendono obbligatorio discuterli avvalendosi degli strumenti e delle conoscenze degli storici. L’istruzione pubblica, una delle chiavi del futuro dei nostri giovani e del Paese, sarà al centro della quarta giornata in cui discuteremo delle politiche istituzionali attraverso un’indagine che ci aiuta a comprendere con dettaglio il fenomeno del gap formativo emerso negli ultimi decenni. L’ultima giornata sarà dedicata ai flussi migratori che hanno ridefinito il volto dell’Italia contemporanea e trasformato l’assetto delle nostre metropoli, focalizzando in particolare il caso di Roma, essendo questa metropoli il teatro ideale per discutere il nesso tra emigrazione e urbanizzazione quanto le politiche nazionali di accoglienza.

Mercoledì 20 luglio / CANZONI
La musica dei cantautori e la storia italiana
Con Paolo Carusi, Gioachino Lanotte, Elisabetta Malantrucco. Introduce e coordina: Paolo Celata
Testi di riferimento:
Paolo Carusi, Viva l’Italia! Narrazioni e rappresentazioni della storia repubblicana nei versi dei cantautori
impegnati, Le Monnier, Firenze, 2018.
Paolo Carusi, Manfredi Merluzzi (a cura di), Note tricolori. La storia dell’Italia contemporanea nella popular
music, Pacini, Pisa, 2021.

Giovedì 21 luglio / FASCISMO
Il ventennio tra senso comune e ricerca storica
Con Tommaso Baris, Guido Caldiron, Lucia Ceci, Alessio Gagliardi. Introduce e coordina: Gregorio Sorgonà
Testi di riferimento:
Andrea Ventura, Il diciannovismo fascista. Un mito che non passa, Viella, Roma, 2021
Leonardo Pompeo D’Alessandro, Giustizia fascista. Storia del Tribunale speciale 1926-1943, il Mulino,
Bologna, 2020.

Venerdì 22 luglio / ENERGIA
Dalle fonti fossili alla sostenibilità dello sviluppo?
Con Fulvia Bandoli, Chiara Pulvirenti, Edoardo Zanchini. Introduce e coordina: Grazia Pagnotta
Testi di riferimento:
Grazia Pagnotta, Prometeo a Fukushima. Storia dell’energia dall’antichità a oggi, Einaudi, Torino, 2020
John R. McNeill, Qualcosa di nuovo sotto il sole. Storia dell'ambiente nel XX secolo, Einaudi, Torino 2020

Sabato 23 luglio / FORMAZIONE
La scuola banco di prova del Paese.
Con Marco De Nicolò, Laura Fasanaro, Maria Letizia Pesce, Introduce e coordina: Michela Ponzani
Testi di riferimento
Marco De Nicolò, Formazione. Una questione nazionale, Laterza, Roma-Bari, 2020.
Patrizio Bianchi, Nello specchio della scuola, il Mulino, Bologna, 2020

Domenica 24 luglio / IMMIGRAZIONE
Nuovi cittadini tra accoglienza e rifiuto
Con Annalisa Camilli, Michele Colucci, Mohamed Tailmoun, Introduce e coordina: Mario Morcellini
Testi di riferimento:
Michele Colucci, Storia dell’immigrazione straniera in Italia. Dal 1945 ai giorni nostri, Carocci, Roma, 2018
Michele Colucci e Stefano Gallo (a cura di), Le strade per Roma. Rapporto 2021 sulle migrazioni interne in
Italia, il Mulino, Bologna, 2021


Comitato scientifico: Marco De Nicolò (coordinatore), Alessio Gagliardi, Gregorio Sorgonà

 "People, Planet and Peace" VII edizione della History and Politics Summer School che si svolgerà dal 22 al 27 agosto a Marsala

Istituzioni Innovazione Informazione

La H&P Summer School di Marsala nasce nel 2016 e si caratterizza come momento accademico-scientifico e culturale-formativo che si realizza attraverso una settimana di incontri di natura seminariale e convegnistica in cui si affrontano i temi urgenti della nostra contemporaneità e attualità politica, attraverso la voce di autorevoli studiosi e specialisti dei temi trattati. Dopo avere focalizzato l’attenzione sul Mediterraneo (2016), sull’Europa (2017), sul divario tra Sud e Nord del mondo (2018), sulle Geopolitiche del Mediterraneo e le Schiavitù contemporanee (2019), sui Tempi di passaggi, ovvero sulla politica e i mutamenti tecnologici (2020), sull’Utopia e il futuro dell’Europa (2021), quest’anno il tema che la settimana di studio affronterà riguarda il futuro del pianeta, con particolare attenzione alle politiche di pace e ai temi ambientali. Il titolo della H&P Summer School, infatti, raccoglie in tre parole chiave il senso del percorso di approfondimento: Planet, People and Peace (Istituzioni, innovazione, informazione)

Il pianeta è la casa dell’umanità e delle specie viventi. Lo sfruttamento irresponsabile delle risorse della Terra ha posto in modo ineludibile questioni che diventano cruciali per la sopravvivenza pacifica dei gruppi umani. La fine della storia non sarà dovuta al venir meno dello scontro tra modelli imperiali che hanno segnato il globo in sfere di influenza contrapposte, come era stato ipotizzato con la caduta del Muro di Berlino e la conclusione di un’era politica, ma all’incapacità di trovare soluzioni globali accettabili, condivise e durature ai cambiamenti climatici, alle sfide ambientali e alle minacce sanitarie. Il futuro dell’umanità passa attraverso una tale prospettiva, a cui ogni agenda statale ed internazionale deve porre un’urgente priorità. I popoli che abitano il pianeta vivono ormai sotto questa schiacciante pressione, che da energetica diventa demografica, sociale, economica, e quindi eminentemente geopolitica. La pandemia e le guerre a cui assistiamo e che ci coinvolgono sempre più direttamente, restituiscono la consapevolezza almeno che i conflitti hanno radici, in ultima analisi, sulla produzione di beni e risorse la cui distribuzione deve rispondere in modo convincente a criteri praticabili di equità, incardinati sulla tutela e promozione dei diritti umani. La comunità e gli organismi internazionali vengono sollecitati ad esercitare simili responsabilità, per scongiurare non solo l’uso della forza bellica come strumento di controversia tra gli stati e tra i popoli, ma anche per affrontare in modo adeguato i rischi a cui è sottoposta la vita del pianeta.

INFORMAZIONI

Le lezioni si terranno presso il Complesso Monumentale San Pietro di Marsala, dal 22 al 27 agosto. Le iscrizioni sono gratuite. Per le adesioni all’ History & Politics Summer School occorre inviare un'e-mail, allegando il proprio Curriculum Vitae, all’indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

13 maggio 2022 ore 17:30

Trento - Palazzo della Regione

L'incontro potrà essere seguito in presenza presso la Sala di Rappresentanza della Regione fino a esaurimento posti.
Per accedere sarà necessario presentare il Green Pass rafforzato e indossare la mascherina Ffp2.
L’incontro sarà trasmesso anche sul canale YouTube della Fondazione Museo storico del Trentino. 

Il 13 maggio 2022, ad Aosta, nel Palazzo regionale, Sala Maria Ida Viglino, Piazza Deffeyes 1, la Fondation Emile Chanoux e la Fondazione Adriano Olivetti, in collaborazione con la Fondazione Courmayeur Mont Blanc e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Regione Autonoma Valle d’Aosta, promuovono un convegno internazionale volto a esplorare il rapporto delle istituzioni e della società valdostana con l’ideale e il progetto Comunitario olivettiano.
Info:
https://www.fondazionecourmayeur.it/notizie-il-futuro-della-comunita.1.5.html?n=1279&p=1

Page 1 of 9

Cerca nel sito

Le Carte e la Storia

La rivista dell'Associazione. Dal giugno del 1995, in pubblicazioni semestrali, raccoglie importanti contributi alla storiografia storico-istituzionale e ai suoi sviluppi, con speciale attenzione al suo rapporto con il patrimonio delle fonti.

MAGGIORI INFORMAZIONI

- Edizione IL MULINO -

Free Joomla templates by L.THEME